I nostri autori:

Andrea Vesco

Sarah Vesco

Alessio Giuliano

Antonio Massara

Il moro, una pianta che diventa grande

Il moro, una pianta che diventa grande

©amvisual antonio massara rallo 18.7.2017 trapani-14.jpg

La storia di ogni pianta comincia con un seme caduto nella terra.

Sarà lui a generare una nuova vita che a sua volta crescerà e diventerà sempre più grande.

La storia di un’attività, qualunque essa sia, assomiglia al mondo delle piante. Nasce, cresce, si trasforma.

E così, oggi, a Trapani, su via Garibaldi, troviamo l’Osteria nata dall’idea di due fratelli, Enzo e Nicola Bandi. Il seme in realtà era stato piantato dodici anni fa a Valderice, dapprima una rosticceria poi una trattoria. Infine quel seme è divenuto pianta nel dicembre dello scorso anno chiamandosi “il Moro”.

©amvisual antonio massara rallo 18.7.2017 trapani-18.jpg

 

Nicola che ci ha accolto con l’esuberanza e l’entusiasmo tipico di chi è giovane racconta che si occupa della cucina, che cerca di proporre e ripercorrere vecchi piatti della tradizione trapanese apportando, là dove possibile, qualche innovazione e andando sempre alla ricerca di alimenti di prima qualità.

Ci mostra contento il logo dell’Associazione “Trapani Welcome”, di cui il locale fa parte, un’associazione nata a difesa della tradizione, un codice etico per la realizzazione del vero “Cùscusu”. E lui, Nicola, il cuscuso pare conoscerlo davvero bene. Ha estrema pazienza nello spiegarci come si “incoccia” la semola, come la si condisce o il “lemmo” nel quale si lascia riposare, la stessa pazienza che occorre per la preparazione del piatto.

Pazienza, tempo, amore e dedizione sono ingredienti fondamentali in cucina ma sono gli stessi infondo che occorrono alla cura di una bella pianta.

Siamo certi che a breve i fratelli Bandi avranno fiori e frutti da cogliere e continuerà così il ciclo della vita.

©amvisual antonio massara rallo 18.7.2017 trapani-15.jpg
Tentazioni di Gusto

Tentazioni di Gusto

Pino Maggiore e la Cantina siciliana

Pino Maggiore e la Cantina siciliana